Il mio cibo - razioni avaro

Il mio cibo - razioni avaro.
I miei sentimenti puttana donato.
Ho schiacciato il mio modesto talento
Sotto vetro in pivnuhe delle pulci.

E quando ho gli occhi del Golfo
Secondo pivnuhe barcollare sparsi,
La gente mi tirato per la mano,
La gente chiede Esenin.

E così voglio mandare al tappeto
Odiavo questo pubblico!
Come si può sputare nell'anima
Nesvershonnomu nella vita del poeta?

niente, Sono otdyshites,
Anche in questo caso, leggerli, "Bully",
E poi annegare il loro dolore
La schiuma bianca di un bicchiere di birra.

Vota:
( 26 valutazione, media 4.88 a partire dal 5 )
Condividere con gli amici:
Sergey Esenin
Aggiungi un commento